fbpx

Puntuale è arrivato l’annuncio dell’avvio, o meglio del completamento dei lavori relativi al nuovo teatro comunale. A darne notizia l’assessore ai Lavori Pubblici Carvelli, che lunedì 7 dicembre ha visitato il cantiere dei lavori affidati alla ditta Essebi Costruzioni di salvatore Baffa s.r.l. Lunedì il comunicato dell’assessore Carvelli e nel pomeriggio di martedì a distanza di 24 ore il comunicato del coordinamento politico “ Crotone città di Tutti” e dei suoi rappresentanti Danilo Arcuri, Antonio Megna e Giuseppe Ferragina, che chiariscono la vicenda e soprattutto l’iter amministrativo per l’affidamento dei lavori, e puntualizzano che non si tratta di un “cantiere aperto dell’amministrazione Voce”. “La giunta Voce- scrivono Arcuri, Megna e Ferragina – e l’assessore ai Lavori Pubblici, Ugo Carvelli, non ha aperto nessun cantiere, ma si è solo concluso un iter tecnico/amministrativo e nulla di più. Giusto per essere chiari, le risorse, pari a quasi 4 milioni di euro sono state recuperate dopo dodici anni di immobilismo e inerzia dalla Prossima Crotone, il bando di gara è stato espletato a novembre 2019, l’assegnazione è avvenuta ad aprile 2020, ad agosto di quest’anno, con estremo ritardo, si è firmato il contratto con l’azienda che ha vinto il bando. Per cui – proseguono –  la domanda è lecita: che ha fatto la Giunta Voce per aprire questo cantiere? Nemmeno una goccia di sudore è stata versata dal sindaco e dai suoi assessori per dare il via ai lavori per il completamento del teatro comunale. Auspichiamo che questa amministrazione possa aprire non uno ma cento e meglio ancora mille cantieri, e se possibile ancora di più. Magari partendo dalle ingenti risorse che giacciono nelle casse comunali, finanziamenti intercettati dalla precedente e tanto vituperata amministrazione, grazie all’instancabile e prezioso lavoro della nostra consigliera regionale Flora Sculco. Pertanto, invitiamo l’assessore ai Lavori Pubblici ed il sindaco a darsi da fare per cantierare le risorse già presenti cominciando dal prolungamento del lungomare, dalla bonifica e dalla ristrutturazione della scuola di San Francesco, dalla messa in sicurezza e la bonifica dell’ex discarica comunale di Farina Tufolo e tante altre opere, opportunità e risorse che avremo modo di segnalare alla Giunta per evitare che se ne perdano le tracce.”