fbpx

Nella giornata di mercoledì 16 dicembre il sindaco di Crotone Voce, e l’assessore alla Salute Cortese, hanno incontrato il commissario alla Sanità Longo. Un incontro per fare il punto sull’emergenza epidemiologica da Covid-19, ma anche per verificare criticità presenti sul territorio crotonese.

In particolare l’assessore Cortese ha illustrato al commissario ad acta ha sottolineato l’attuale condizione sanitaria in cui versa l’intera struttura ospedaliera del distretto crotonese, che paga le conseguenze della declassificazione del nosocomio da struttura HB a presidio SPOCK con tutti i depotenziamenti di offerta sanitaria che da essa scelta ne sono derivati.

L’assessore ha inoltre ricordato la mancanza nel presidio ospedaliero del servizio di emodinamica all’interno del reparto di cardiologia a fronte di tre distinti strutture nel distretto di Catanzaro.

E anche i malati oncologici sono stati al centro della discussione, l’assessore ha ribadito la necessità di riaprire con estrema urgenza il reparto di medicina nucleare che per ragioni di ristrutturazione tarda ad essere riattivato causando disservizio per l’utenza che, anche in questo caso, è costretta a rivolgersi presso altre strutture ospedaliere ovvero strutture private a pagamento.

E per far fronte a questo disagio il Marrelli Hospital nel pomeriggio di oggi ha ribadito la propria disponibilità ad erogare le prestazioni necessarie ai malati oncologici in convenzione con il servizio sanitario regionale.

” In attesa – scrive la direzione del Marrelli Hospital – che vengano completati i lavori all’ospedale, in attesa che vengano comprate le apparecchiature e vengano collaudate, in attesa che venga completato l’organico e si renda operativo nella sua interezza , Marrelli Hospital propone che per tutti i malati oncologici che hanno bisogno di prestazioni di medicina nucleare , il costo dell’esame possa essere rimborsato dall’Asp a tariffe calmierate che coprano solo i costi vivi dell’esame, senza aggiungere alcun costo di gestione.”