fbpx

Nel corso di questa settimana, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e del “Piano di Azione Nazionale e Transnazionale – Focus ‘ndrangheta” sono stati conseguiti i seguenti risultati:
– nr. 04 persone deferite all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà;
– nr. 01 persone segnalate all’Autorità Amministrativa, in quanto assuntori di sostanze stupefacenti;

  • controllati numerosi soggetti sottoposti a misure di sicurezza;
  • identificate nr. 540 persone;
  • controllati nr. 192 veicoli (anche con sistema Mercurio);
  • effettuati numerosi posti di controllo;
  • elevate nr. 9 sanzioni per violazioni al Codice della Strada;
  • effettuati nr.4 fermi/sequestri amministrativi e/o penali;
  • elevate nr. 8 contestazioni amministrative in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (ex D.L. n. 19 del 25.03.2020);
  • effettuate nr. 20 perquisizioni;
  • nr. 02 persone accompagnate in Ufficio per identificazione;
  • effettuati nr. 7 controlli amministrativi e, contestualmente, elevate nr. 6 sanzioni amministrative e/o penali.

Nella giornata del 3 gennaio 2021, personale della Squadra Volanti ha rinvenuto e debitamente sequestrato a carico di ignoti in una via del Centro cittadino, un involucro in cellophane contenente 1.35 grammi di sostanza stupefacente tipo “marijuana”.
Nella stessa serata, in via Borgata San Francesco, medesimo personale ha rinvenuto un involucro in cellophane contenente 0.35 grammi di sostanza stupefacente tipo “cocaina”.
Nella giornata del 4 gennaio 2021 personale della Divisione P.A.S.I. – Squadra Amministrativa ha effettuato un controllo amministrativo ex art. 13 L. 689/81 nei confronti di un esercizio di vicinato per la vendita di prodotti di genere non alimentare, il cui titolare, presente sul posto, è A. G., nato in Bangladesh classe 1982.
Al termine del controllo, dopo aver verificato il corretto possesso delle autorizzazioni amministrative, si elevava la sanzione di cui all’art. 4 c. 1 del DL 19/2020, modificato e convertito dalla L. 35/2020, in relazione all’art. 1 c. 6 e art. 1 c. 10 lett. FF del DPCM del 3 dicembre 2020 e relativo allegato 9, approvato dall’Ordinanza del presidente della Regione Calabria nr. 93, punto 2, del 6 dicembre 2020 (pmr € 400,00) per aver violato le disposizioni imposte atte al contenimento del rischio epidemiologico derivante dalla diffusione del virus “Covid – 19”, poiché ometteva di esporre all’ingresso del locale un cartello riportante il numero massimo di persone ammesse
contemporaneamente nel locale, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti e per aver omesso di predisporre il locale di adeguata informazione sulle misure di prevenzione.
Veniva impartita la sospensione immediata dell’attività per 5 giorni.

Nella giornata del 5 gennaio 2021, personale della Divisione P.A.S.I. – Squadra Amministrativa, ha effettuato controlli amministrativi ex art. 38 TULPS nei confronti di nr 2 detentori di armi.

  • L. M., nato a Crotone nel 1961, il quale, all’atto del controllo, deteneva presso l’abitazione di
    residenza, le seguenti armi e munizioni: una pistola semiautomatica marca Beretta; nr. 25 cartucce cal. 7,65;
    Dall’analisi documentale, però, emergeva che il soggetto avesse denunciato la detenzione delle suddette armi e munizioni presso un’altra abitazione;
  • L. F. G., nato in Canada nel 1968, il quale all’atto del controllo deteneva, presso l’abitazione di residenza una carabina ad aria compressa.
    Dall’analisi documentale, però, emergeva che il soggetto avesse denunciato la detenzione delle suddette armi e munizioni presso diversa abitazione.
    Dunque alla luce di quanto accertato, i summenzionati soggetti, poiché omettevano di denunciare la detenzione delle armi presso il nuovo indirizzo, venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria per essersi
    resi responsabili del reato di cui agli artt. 221 Tulps, in relazione all’art. 38 Tulps, e 58 Reg. Tulps.
    Di conseguenza, le armi e il munizionamento in questione venivano sottoposti a sequestro penale ex art. 321 cpp..
    Nella giornata del 6 gennaio 2021 personale della Squadra Volante ha deferito all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 4 l. 110/75 C. R., classe 1967, poiché all’esito di un controllo veniva trovato in possesso di nr. 02 coltelli a serramanico non giustificandone il porto.
    Successivamente, un altro equipaggio dell’U.P.G.S.P. ha denunciato in stato di libertà S. F., crotonese classe 1977, per la violazione di cui all’art. 75 d.lgs. 159/2011. L’uomo, sottoposto a sorveglianza speciale con obbligo di dimora, all’esito di un controllo da parte degli operatori di
    polizia non esibiva la carta precettiva personale.

Nella giornata del 7 gennaio 2021 personale della Divisione P.A.S.I. – Squadra Amministrativa ha effettuato un controllo amministrativo ex art. 13 L. 689/81 nei confronti una palestra di questo capoluogo.
Il controllo scaturiva dal fatto che gli operanti, nel transitare sulla pubblica via, notavano che le luci interne dell’ingresso posteriore dell’attività in argomento fossero accese.
All’interno dei locali adibiti alla sala attrezzi si riscontrava la presenza di una iscritta intenta ad allenarsi a mezzo di tapis roulant.
Si elevava pertanto, nei confronti del titolare, la sanzione di cui all’art. 4 c. 1 del DL 19/2020, modificato e convertito dalla L. 35/2020, in relazione art. 1 c. 10 lett. F del DPCM del 3 dicembre 2020 (pmr € 400,00) per aver violato le disposizioni imposte atte al contenimento del rischio epidemiologico derivante dalla diffusione del virus “Covid – 19”, poiché ometteva sospendere l’attività di palestra nonostante l’obbligo prescritto.
Veniva impartita la sospensione immediata dell’attività per 5 giorni.
Mentre nella giornata dell’8 gennaio 2021, medesimo personale ha effettuato controlli amministrativi presso un’attività di Parrucchiere. Si constatava che una delle dipendenti fosse intenta ad espletare servizio presso la cassa senza utilizzare correttamente i dispositivi di protezione
individuali nonostante stesse servendo un cliente.
Veniva quindi elevata la sanzione amministrativa (pmr € 400,00).

  • Attività di somministrazione di alimenti e bevande “Gelateria”
    Il controllo amministrativo scaturiva dal fatto che all’interno del locale gli operanti notavano la presenza di un avventore, intento a mangiare un gelato nonostante il divieto di consumare cibi all’interno di locali pubblici dalle ore 18:00 alle ore 05:00 (violazione accertata alle ore 18:35).

Alla luce di quanto sopra lo stesso veniva sanzionato (pmr € 400,00).
Analoga sanzione veniva elevata a carico della commessa per aver omesso di sospendere l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, nonostante tale attività fosse consentita solo dalle ore 05:00 alle ore 18:00.
Nella giornata dell’8 gennaio 2021, personale dell’U.P.G.S.P., ha segnalato al Sig. Prefetto un cittadino crotonese classe’71, in quanto assuntore di sostanza stupefacente. All’esito di un controllo lo stesso veniva trovato in possesso di 0.63 grammi di sostanza stupefacente tipo eroina.