fbpx

Si è conclusa domenica la kermesse “Musica e Fumetti”. Due giorni intensi fitti di appuntamenti, spensieratezza, cultura e commistione delle arti. L’11 e 12 dicembre, Crotone si è resa protagonista di un evento unico nel suo genere, che sicuramente avrà un seguito: sullo stesso palco lampi di comunicazione multimediale, l’affabulazione dei nostri ospiti illustri e la musica sublimemente eseguita dai maestri dell’orchestra “Stilo” hanno emozionato e deliziato il pubblico presente.
In altri contesti legati ai Comics il dialogo con i fan, il firma copie, gli sketch sono elementi costitutivi di tali manifestazioni; l’idea però di fondere tali ingredienti con la musica e uno spazio live in cui gli artisti si
raccontassero e proponessero aneddoti del proprio vissuto è stata proprio una carta vincente del progetto.
Avere tante personalità di riguardo contemporaneamente è stato un onore che invita a limare qualche imperfezione e a pensare già al futuro.
Molti forse non si rendono conto dei margini di sviluppo e ricaduta economica in positivo che può comportare il consolidamento e il potenziamento di tali iniziative: cosplay, fan delle strisce, collezionisti,
amanti del genere, con il loro arrivo in città, potrebbero imprimere una spinta economica non indifferente all’intero settore turistico – commerciale crotonese; potrebbe costituire un richiamo per la stagione estiva;
potrebbe far conoscere meglio il nostro territorio e fungere da traino per lo sviluppo.
Chi snobba o sottovaluta simili opportunità non ha a cuore il futuro dei nostri giovani.
C’è invece ragiona diversamente; in primis desidero ulteriormente ringraziare gli artisti che, a dispetto delle varie difficoltà incontrate, covid19 e infrastrutture viarie poco incoraggianti, hanno deciso di regalarci
momenti di riflessione e giocosità: Moreno Burattini, Paolo Mottura, Giorgio Giusfredi, Sergio Gerasi, Alessio Fortunato, Vincenzo Filosa; inoltre è d’uopo ricordare i due organizzatori referenti dell’associazione
Beethoven che hanno reso possibile un ambizioso nostro sogno, un comics musicale a Crotone: il maestro Fernando Romano e la professoressa Mariarosa Romano.
In futuro si prospettano molteplici sviluppi: l’integrazione del cinema locale, dei luoghi utilizzabili nel centro storico per ospitare tutti gli espositori del settore e avventori, creando magari gli spazi per un museo del fumetto corredato da testimonianze, contributi, materiale proveniente dalle collezioni private e da quei crotonesi che hanno in passato lavorato o lavorano nel mondo del fumetto.
Sarebbe anche importante far conoscere i nostri artisti e le iniziative del nostro territorio in ambito fumettistico nelle principali manifestazioni come il Lucca Comics and Games attraverso la presenza fisica di
uno stand promosso dall’amministrazione comunale. I progetti e i sogni non mancano; occorre audacia, vision e creatività.

Romano Pesavento