fbpx

Sono già 133 le persone che rientrate a Rocca di Neto da fuori regione si sono registrate per effettuare il tampone antigenico gratuito predisposto dall’amministrazione guidata da Alfonso Dattolo.

I tamponi antigenici sono stati predisposti a partire dal 14 dicembre e su 133 soggetti che si sono registrati contattando il Comune di Rocca di Neto all’indirizzo e-mail sportelloascoltoneto@libero.it sono stati effettuati 67 tamponi che hanno dato esito negativo.

Si tratta di un’ulteriore attività di prevenzione, monitoraggio e quindi contenimento del contagio da Covid-19 voluto dal sindaco Dattolo e dalla sua amministrazione e che si inserisce in un programma più ampio avviato nei mesi scorsi, con screening mirati e tracciamenti effettuati in sinergia e collaborazione con il Romolo Hospital, che hanno consentito in queste settimane alla comunità di Rocca di Neto di evitare la diffusione del virus.

Le nuove disposizioni del governo Conte e della Regione Calabria per il periodo delle festività natalizie impongono responsabilità ed attenzione, e il comune di Rocca di Neto con la programmazione e l’esecuzione dello screening per le persone che stanno rientrando da fuori regioni, avviato già da oltre una settimana, intende garantire serenità e sicurezza, una tutela della salute che soprattutto nelle piccole comunità deve essere puntuale e attenta.

“Si lavora insieme – ha spiegato il sindaco di Rocca di Neto Alfonso Dattolo –  lo si fa puntando sulla responsabilità personale di quanti stanno rientrando e rientreranno a Rocca di Neto per le festività natalizie, che devono essere un momento di serenità e che non devono mettere a rischio e vanificare i tanti sacrifici che la nostra comunità ha affrontato e sta affrontando.

Fino a questo momento c’è stata una buona risposta da parte di quanti sono arrivati a Rocca di Neto, che spontaneamente e prontamente hanno contattato gli uffici comunali per registrarsi ed  effettuare il tampone.

Rocca di Neto – conclude Dattolo – sta dimostrando con i fatti e con le azioni di essere una comunità forte e responsabile, viva e partecipe e che si adopera per il bene comune. Ciascuno contribuisce, ognuno fa la propria parte e insieme possiamo combattere questa battaglia contro il virus!” 

Lo screening in collaborazione con il Romolo Hospital proseguirà fino al 23 dicembre.