fbpx

Con tre differenti decreti il Sindaco Maria Grazia Vittimberga ha assegnato importanti deleghe ai consiglieri Andrea Liò, Gaspare Cavaliere e Gaetano Muto.

Nello specifico ha affidato al consigliere Andrea Liò, del gruppo PD, le deleghe in materia di promozione del territorio, gemellaggi, demanio, bandiera blu, caccia e pesca.

Il consigliere Gaspare Cavaliere, sempre appartenente al gruppo PD, avrà invece il compito di occuparsi di protezione civile, rapporti con le associazioni e con società partecipate. Infine, al consigliere Gaetano Muto, del gruppo Isola in Rete, sono state assegnati incarichi per il verde pubblico, la pubblica illuminazione, tutela delle coste e gestione rifiuti. Liò, Cavaliere e Muto si aggiungo al consigliere Santo Pullano, del gruppo Liberi di Ricominciare, già incaricato ad inizio mandato con delega al Servizio Idrico.

Inoltre, nei prossimi giorni, altri consiglieri verranno incaricati con specifici mandati.

Il tutto è previsto dall’art. 40, del vigente Statuto Comunale il quale prevede che il Sindaco può delegare le sue funzioni o parte di esse a singoli assessori o consiglieri. E’ previsto, inoltre, che l’affidamento degli incarichi ai consiglieri comunali non può comportare l’adozione di atti a rilevanza esterna o compiti di amministrazione attiva ma deve tradursi in attività collaborativa per l’esercizio delle relative funzioni da parte del Sindaco.

La delega ai consiglieri mira ad assicurare un maggiore grado di efficacia nello svolgimento dell’attività amministrativa in corso, attraverso il supporto collaborativo e di studio da parte di consiglieri comunali incaricati in specifiche aree di intervento. Si specifica, inoltre, che il consigliere delegato avrà compiti di studio, analisi e verifica, con una funzione esclusivamente propositiva e di consulenza, il tutto dovrà essere svolto in supporto al Sindaco, al quale il consigliere incaricato dovrà riferire in merito all’attività svolta, come pure alla Giunta Comunale e, ove occorra, anche al Consiglio Comunale per l’adozione degli eventuali provvedimenti di rispettiva competenza. Gli stessi non potranno partecipare alle sedute della Giunta Comunale e non avranno poteri decisionali. Si sottolinea, infine, che per l’esercizio delle deleghe ai consiglieri non è dovuto alcun compenso. Per tanto, il lavoro che andranno a svolgere i consiglieri sarà completamente a titolo gratuito, al solo scopo di servire la cittadinanza ed onorare il compito che gli è stato assegnato dai propri elettori.