fbpx

Di seguito la nota dell’on. Sergio Torromino.

“Il territorio crotonese è sempre al centro della mia attività Parlamentare e, al netto dei comunicati stampa , si continua a lavorare sempre e comunque, in silenzio, per dare dignità ad un territorio, il nostro, che vive un ritardo infrastrutturale pesante ed atavico.
Presso la Capitaneria di Porto lunedì 7 giugno si è tenuta una riunione alla presenza del commissario dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro Dott. Amm. Agostinelli, nella quale sono stati illustrati i lavori che verranno compiuti sul porto nel breve , nel medio e nel lungo termine . Chiaramente  è un primo passo, sicuramente in avanti, che inverte una tendenza , quella che ha sempre visto negli anni l’esclusione del nostro porto, così come di tutte le infrastrutture presenti nella fascia Jonica, da qualsiasi intervento . Ma così come ribadito al tavolo non ci accontenteremo certo del primo intervento tecnico funzionale, continueremo a vigliare , e saremo sempre lì presenti e da pungolo affinché il porto di Crotone ma anche di Cirò Marina e di Corigliano Schiavonea, abbiano la centralità che meritano e che soprattutto, gli interventi che ci sono stati illustrati vengano portati a compimento nel più breve tempo possibile e rappresentare il primo tassello per arrivare alla variante del piano regolatore generale del porto. 
Stesso clima di serenità nella riunione tenutasi ieri, mercoledì 9 Giugno, per l’aeroporto S.Anna ma stessa presa di posizione . Mi corre l’obbligo , a questo riguardo , di ringraziare, innanzitutto, il prefetto S.E.  Carolina Ippolito per l’attenzione che rivolge al nostro territorio e la prontezza con la quale accoglie le sollecitazioni , di noi deputati, di rendersi parte terza e attiva negli incontri istituzionali al fine di affrontare e risolvere le problematiche del Crotonese. Riunione, dicevo, in cui si è discusso delle iniziative messe in campo dal Dr. Giulio Demetrio presidente della società SACAL che gestisce l’aeroporto Sant’Anna . Abbiamo accolto con piacere la notizia che da luglio il volo Crotone-Bergamo avrà cadenza giornaliera, così come il Crotone- Bologna che avrà trisettimanale. Ma questo, ovviamente, non può bastare per far uscire dall’isolamento un intero territorio. Sono necessari altri collegamenti: il volo Crotone Roma giornaliero, collegamenti con il centro nord, il nord est ed il nord ovest. Così come abbiamo accolto favorevolmente l’iniziativa della SACAL, che muovendosi  in questa direzione, destina un contributo ai vettori pari al 50% su tutti i passeggeri in transito da e per Crotone, e che ad oggi stranamente non ha trovato da parte dei vettori l’accoglienza che ci si aspettava . D’altro canto abbiamo ribadito che l’esperienza vissuta durante il lockdown, in cui di fatto sullo scalo crotonese non c’era nessuna attività volitiva, non può essere ripetuta e per questo l’aeroporto di Crotone non può  essere rappresentato da una unica compagnia aerea, per quanto prestigiosa.                                      Abbiamo bisogno di essere competitivi ed attrattivi. È stato ciò che abbiamo ribadito al tavolo e sul quale noi parlamentari, la collega Barbuto ed io, ci siamo fatti promotori di incontri con le compagnie aeree, coadiuvati dal referente ENAC  e dal presidente della SACAL , affinché insieme si trovino le giuste sinergie per rilanciare lo scalo S.Anna .                                                       Senza dimenticare le opportunità legate al traffico merci cargo che potrebbe trasformare l’aeroporto Sant’ Anna in un Hub del trasporto merci calabrese.  A questo riguardo penso in particolare ai prodotti d’eccellenza della filiera agroalimentare dell’area Jonica calabrese con l’utilizzo Delle frigorie, per la lunga conservazione, prodotte dalla centrale di Scandale.”