fbpx

«La recente significativa nomina di Marco Minniti alla presidenza della Fondazione Med-Or di Leonardo che, secondo quanto è stato sottolineato, sarà “un ponte attraverso il quale fare circolare idee, programmi e progetti” dal Mediterraneo allargato all’Estremo Oriente, rappresenta un’opportunità straordinaria per Crotone, considerata la sua particolare posizione geografica e l’esistenza di un grande porto che aspetta da anni di essere opportunamente valorizzato». Lo afferma Salvatore Gaetano, editore televisivo e fondatore del movimento “Orgoglio Crotonese”.

«Crotone sin dai tempi dell’antichità, e quindi dallo splendore della Magna Grecia, età in cui assunse una posizione di leadership – afferma Gaetano – è effettivamente, e qui mutuo lo spirito con cui nasce Med-Or, un ponte verso il Mediterraneo, verso il Nord Africa, verso il Medio Oriente dal quale si dipartano le più secolari vie di comunicazione verso l’India e la Cina. Crotone fu scelta dai colonizzatori ellenici proprio per le caratteristiche peculiari di un sito che si affaccia nel cuore del Mediterraneo. Chiederò all’on. Marco Minniti, che peraltro è calabrese, di voler incontrare una nostra rappresentanza per esporgli la valenza strategica, non solo per Crotone ma per tutta la Calabria e il Sud Italia, di una massima valorizzazione del porto pitagorico, ma anche dello spirito e della cultura con radici millenarie che, come eredi legittimi della Magna Grecia, possiamo offrire al progetto Med-Or».

«Sono convinto – prosegue Salvatore Gaetano – che il Sud abbia bisogno di grandi idee e di un nuovo sentire per uscire dalle condizioni di emarginazione in cui si trova. Non possiamo immaginare di risolvere i drammi del Mezzogiorno, e quindi quelli di una Calabria che in questo contesto conta i record più negativi, pensando a una gestione ordinaria troppo spesso lacunosa, frammentaria, inadeguata. Serve il respiro della storia per ipotizzare, da qui a pochi anni, una rigenerazione del Sud e della Calabria che si pongano al centro del Mediterraneo e quindi come crocevia di scambi, relazioni e progetti di valenza intercontinentale. Siamo stati la prima esperienza globale della storia ed oggi dobbiamo riprenderci il nostro ruolo».

«Rivolgendo all’on. Marco Minniti gli auguri di buon lavoro per questo nuovo importante incarico – conclude Gaetano – ed apprezzando anche la capacità di visione che questa scelta significa, vorrei invitarlo a passare qualche ora a Crotone per conoscere ancora meglio le opportunità immense di un’area portuale tanto vasta e strategicamente collocata, quanto sottoutilizzata. Storia, Cultura, Archeologia, Natura, Geografia, Clima, Mare, Tradizioni… abbiamo tutto dalla nostra parte per guardare al futuro con pensieri alti, con categorie nuove, con spirito positivo, e soprattutto pensionando metodi di un agire politico che si è miseramente consumato e che non è più in grado di dare risposte a nessuno».