fbpx

Di seguito la nota di Giuseppe Frisenda ( Officina Civica).

“Continuiamo a seguire, attenzionare e interessarci della politica locale.
Cerchiamo di comprendere, se mai ce ne fosse una, la vision dei nuovi governanti della Città di Crotone e ci appassioniamo alle dinamiche politiche per le prossime competizioni elettorali. Seguiamo con interesse le dinamiche nazionali e proviamo ad ipotizzare strategie al fine di concretizzare ed “approfittare” delle grandi opportunità come Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza PNRR che ha tra gli obbiettivi strategici la rigenerazione urbana sostenibile e la transizione ecologica e digitale.
Non possiamo che apprezzare alcune considerazioni e sollecitazioni avvenute nei giorni scorsi sulla stampa locale con un appello alle “nuove classi dirigenti” a trovare idee volano, che possono generare e attivare nuove iniziative, partendo da una analisi SWOT (individuazione di punti di forza e di debolezza) per avere un approccio diverso alle nuove opportunità e alle sfide che ci attendono.
In tutto ciò, ancora non ci appare chiaro cosa si vuol fare di questo territorio, come si vogliono affrontare le tematiche più urgenti e che azioni si vogliono intraprendere su argomenti come Bonifica, Antica kroton, Aeroporto e porto , e soprattutto capire in quale contesto geografico operare e conseguentemente avviare una condivisione di strategie di sviluppo. Noi le idee le abbiamo chiare e quando parliamo di Magna Grecia non certo ci riferiamo solo ad un periodo storico o a un nome da utilizzare per evocare un ricordo di un passato glorioso. La Magna Grecia per noi è e rappresenta il futuro.
Apprezziamo l’avvio delle interlocuzioni dall’On. Sergio Torromino e delle azioni che lo stesso ha inteso sostenere sul tema delle infrastrutture che risulta in linea anche con gli interessi e le aspettative di tutta l’area jonica .
Rimaniamo in attesa di capire e di sapere cosa pensa il Sindaco Voce che assieme alla sua maggioranza pare dedicato ad attività istituzionali, a nostro avviso, non prioritarie e che distraggono dal proposito e dal tanto annunciato, propinato e urlato cambiamento che non può basarsi su iniziative banali e poco produttive ma necessita di azioni di merito e strategie di attuazione.
Nel frattempo, le elezioni regionali si avvicinano e la politica Crotonese ha il dovere di organizzarsi per poter dare autorevolezza e rappresentanza ad un territorio che sempre di più subisce il fascino della colonizzazione fine a se stessa e priva di motivazioni poste a tutela degli interessi della nostra area.
E’ per questo che quale forza civica liberale, popolare e moderata auspichiamo che i partiti con i propri dirigenti e amministratori locali trovino un sussulto d’orgoglio e possano condividere obbiettivi e punti programmatici, affrontando in modo compatto la prossima campagna elettorale cercando di esprimere rappresentanza istituzionale e di governo nella prossima Regione Calabria .
“ciò che non giova all’alveare, non giova neppure all’ape” cit.
Noi siamo pronti a costruire insieme alle forze politiche a noi affini un progetto da condividere da promulgare e da attuare, per far forte CROTONE.”