fbpx

“Non accetteremo nulla che comprometta la nostra costa”, questa la reazione del sindaco
Maria Grazia Vittimberga alla comunicazione con cui la Capitaneria di Porto di Crotone ha
reso noto all’Amministrazione comunale dell’intenzione di una società veneta di installare
un parco eolico off-shore a largo della costa ionica. Incaricata dal Ministero delle
infrastrutture di acquisire i pareri delle amministrazioni coinvolte, la Capitaneria di Porto ha
inoltrato nei giorni scorsi al Comune di Isola di Capo Rizzuto un avviso con cui rende noto
che la società RepowerRenewable Spa, con sede legale a Venezia, ha richiesto il rilascio
della concessione demaniale marittima, per la durata di trenta anni, di uno specchio acqueo
della superficie complessiva di 87.485.054 metri quadrati, di cui 87.058.537 oltre il limite
delle acque territoriali. La concessione è finalizzata alla realizzazione di un parco eolico
composto da 35 aerogeneratori eolici off-shore, dunque a largo della costa ed ad una
distanza di circa 62 km da Capo Rizzuto e 75 km da Monasterace Marina, ed un punto di
giunzione marino-terrestre nel territorio del Comune di Crotone.
Riservandosi di approfondire i dettagli del progetto prima di far pervenire il proprio parere
alla Capitaneria di Porto di Crotone, il sindaco Vittimberga chiarisce che la posizione della
sua Amministrazione non potrà che essere ad esclusiva tutela del territorio e della sua
economia. “Siamo già accerchiati da pale eoliche e piattaforme in mare, non abbiamo
intenzione di consentire che ulteriori insediamenti compromettano la nostra costa ed alcuni
dei principali settori della nostra economia: il turismo e la pesca – afferma il sindaco – né ci
lasceremo abbindolare dalla promessa di royalties che nella maggior parte dei casi ci
ritroviamo ad elemosinare e spesso a non vederci riconoscere”.