fbpx

Questa mattina, personale della Polizia di Stato, su disposizione della Procura della Repubblica – Direzione
Distrettuale Antimafia di Catanzaro, ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di 13 misure cautelari
(10 di custodia in carcere, 1 arresto domiciliare e 2 obblighi di dimora) emesse dal G.I.P. del Tribunale di
Catanzaro, nei confronti di altrettanti indagati, gravemente indiziati, a vario titolo di associazione finalizzata
a commettere più delitti previsti dall’art. 73 DPR 309/90, inerenti l’acquisto, la detenzione, il trasporto, la
cessione e la vendita di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, eroina, hashish e marijuana nonché, in alcuni
casi, di spaccio e detenzione ai fini di spaccio in concorso.
Le investigazioni svolte tramite intercettazioni telefoniche, ambientali e video, sono state incentrate sulle
attività di spaccio di droga, posto in essere principalmente nella città di Crotone, con particolare riferimento
al centro storico.
In questo contesto, costituito da abitazioni e costruzioni di antica fattura che danno vita ad un dedalo di vicoli
quasi impenetrabile, era stata predisposta una fitta e strutturata rete, organizzata in forma piramidale, i cui
componenti, con ruoli e competenze specifiche, si procuravano e smerciavano al dettaglio ingenti quantitativi
di sostanza stupefacente, i cui profitti confluivano in una cassa comune e successivamente divisi tra i soggetti
apicali dell’associazione, mentre agli atri indagati veniva assicurato un compenso.
A riscontro delle illecite condotte sono state effettuate numerose attività di polizia giudiziaria, quali
perquisizioni e sequestri di sostanza stupefacente, anche nei confronti degli stessi assuntori, a cui, di volta in
volta, veniva sequestrato lo stupefacente acquistato presso uno dei 3 punti di spaccio, dove è stato
documentato un continuo andirivieni di persone a qualsiasi ora del giorno.
Dalle indagini è altresì emerso come il gruppo fosse dedito alla coltivazione di sostanza stupefacente del tipo
marijuana, consentendo alla polizia giudiziaria di sequestrare tre diverse piantagioni, occultate nella
vegetazione della periferia di Crotone.
All’esecuzione dei provvedimenti restrittivi richiesti dalla Procura, hanno partecipato dalle prime ore
dell’alba un centinaio di uomini e donne della Polizia di Stato, appartenenti alla Squadra Mobile di Crotone
in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza, Vibo Valentia e Siderno e delle Unità
Cinofile di Vibo Valentia.