fbpx

I Carabinieri della Stazione di Verzino (KR) hanno deferito in stato di libertà per “tentato omicidio”
G. M., 32enne, incensurato, il quale, nella serata del 31 gennaio u.s., per futili motivi, nel corso di
un’animata discussione con i propri genitori, di anni 60 e 56, è andato in escandescenza e ha
scagliato nei loro confronti 6 fendenti con un coltello da cucina di 20 cm di lunghezza, di cui 13 di
lama, attingendoli in varie parti del corpo, non in modo gravissimo.
In particolare, i militari si sono tempestivamente recati presso la dimora della famiglia su
segnalazione di un privato cittadino, che, udite le urla provenire dal suo interno, ha immediatamente
avvisato la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Cirò Marina (KR), che ha disposto
subito l’intervento nella citata abitazione, ove hanno trovato il giovane in stato shock e i genitori
sanguinanti, nonché, poco distante dal reo e comunque nella sua disponibilità, l’arma del delitto,
che è stata sequestrata.
Gli accertamenti condotti in loco hanno permesso di appurare che G. M. già soffriva di disturbi di
ansia e della personalità, caratterizzati da instabilità emotiva e impulsiva, motivo per il quale, al
termine dell’attività, gli operanti lo hanno sottoposto a un Trattamento Sanitario Obbligatorio con
l’ausilio del personale della Polizia Locale del suddetto centro, mentre la madre, che ha riportato le
lesioni più profonde, è stata condotta al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Crotone, ove si trova al
momento ricoverata nel Reparto di Chirurgia, non versando in gravi condizioni.