fbpx

Sabato mattina esplosi contro sette colpi con un fucile calibro 12 con la matricola abrasa, detenuto illegalmente, sul quale saranno effettuati ulteriori accertamenti tecnici da parte del R.I.S. di Messina, e che hanno colpito mortalmente Luigi Greco e ferito gravemente il figlio.

Domenica mattina i carabinieri hanno fermato il 64enne Vito Avenoso.

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Cirò Marina e quelli della Stazione di Verzino hanno sottoposto l’uomo a fermo d’indiziato di delitto per omicidio aggravato premeditato, tentato omicidio, porto illegale di arma clandestina e detenzione abusiva di munizioni e ricettazione.