fbpx

Viene restituito alla città un luogo storico ed amato: la villa comunale.

Questo pomeriggio i cancelli di uno dei siti più suggestivi, caro ai crotonesi, si sono spalancati per accogliere cittadini e visitatori.

Era un impegno dell’amministrazione Voce preso con i cittadini, che attraverso dell’assessorato al Verde Pubblico, l’abnegazione dei tecnici e degli operai comunali, è stato realizzato.

Nell’ambito della riqualificazione degli spazi verdi che l’assessorato sta attuando, oggi si recupera non solo un polmone verde tra i più importanti ma soprattutto un luogo di memoria, di ricordi ma anche un simbolo di speranza e di cambiamento.

La villa comunale sarà fruibile 7 giorni su 7 dalle ore 08:00 alle ore 20:00 e sarà gestita, in questa fase, direttamente dal Comune di Crotone nelle more della predisposizione di un bando per la gestione.

Alla riapertura erano presenti il sindaco Vincenzo Voce, l’assessore al Verde Pubblico Sandro Cretella, l’assessore alla Cultura Rachele Via, Gianni Pitingolo dell’associazione #Io resto

La riapertura è stata anche l’occasione per inaugurare le “Panchine letterarie” e lo scaffale bookcrossing (si può prendere un libro, leggerlo e poi riporlo nell’apposito scaffale) a cura dell’associazione #Io Resto, iniziativa attuata nell’ambito del progetto Biblioteca Casa di Quartiere promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune

Scaffale arricchito con i libri messi a disposizione dalla Biblioteca comunale e dalla Libreria Cerrelli altro partner del progetto.

Un progetto condotto sinergicamente con l’assessorato alla Cultura e con l’Ufficio Cultura del Comune di Crotone.

“E’ un giorno importante, non solo perché restituiamo un bene alla fruizione della collettività, lo spazio verde più significativo della città, ma perché affidandolo simbolicamente ai cittadini lanciamo anche il segnale della coesione e condivisione sul rispetto e la tutela dei luoghi che sono patrimonio comune” ha detto il sindaco Voce

“La riapertura della villa comunale è frutto dell’impegno dell’Ente, dei tecnici e degli operai comunali, di Akrea ma anche della partecipazione attiva dei cittadini e del mondo associativo. Con quello di oggi si aggiunge un altro significativo tassello al dialogo finalizzato al recupero e riqualificazione dei luoghi ed al miglioramento della qualità della vita” dichiara l’assessore Sandro Cretella

“La villa comunale diventa anche un luogo di cultura, un parco letterario, dove sarà possibile non solo interagire con la natura ma anche leggere un buon libro. Il nostro impegno è finalizzato a sostenere la cultura in tutte le sue forme. Oggi ne abbiamo un esempio tangibile. Questa iniziativa ha il valore aggiunto di ulteriormente valorizzare un luogo significativo della nostra città” ha dichiarato l’assessore Rachele Via